PianetaDonna

La Ginecologa online
15 Apr

Fase di pre-menopausa precoce?

admin» Martedì 15 Aprile alle ore 11:04

katemoss.jpgBuongiorno Dottoressa,
mi chiamo Daniela, ho 34 anni e le scrivo dalla provincia di Milano. Premetto che ho sempre avuto cicli regolari, della durata di 4-5 giorni, con flusso normale e mai dolorosi. Ho avuto una gravidanza splendida, senza problemi che nel gennaio 2003 mi ha donato una bambina.
Da circa 2 anni, però, il quadro è cambiato; i cicli si sono ravvicinati sempre più (da 28 giorni via via fino a 22/23), è aumentata la durata della mestruazione (fino a 10 giorni) che è diventata dolorosissima ed estremamente abbondante. Dopo vari consulti mi è stata diagnosticata l’inizio di una precoce fase di “pre-menopausa”, apparentemente senza rimedio se non quello di “avere pazienza per altri 10 anni”.
L’ecografia ha inoltre evidenziato la presenza di un fibroma sottomucoso che sembra non desti preoccupazioni. Io sono perennemente stanca (la mia anemia è arrivata ai minimi storici), accuso spesso giramenti di testa e da persona cordiale e gioviale quale sono abitualmente sento di essere sempre più insofferente ed apatica.
Ho fatto gli esami del sangue e la mia situazione ormonale è nel caos…. L’ultimo specialista mi ha detto che il processo si è innescato prima del tempo a causa di un’operazione subita 10 anni fa in cui mi è stata aspotata una cisti dermoide in “laparoscopia”; l’intervento ha letteramente strappato la cisti e contestualmente anche parte del tessuto ovarico che ora (sto parlando dell’ovaio sinistro) ha dimensioni notevolmente ridotte e che, ad ogni controllo, è sempre più piccolo.
Tutti concordi nel dire che non c’è niente da fare se non tentare una cura ormonale e assumere quindi la pillola. Dato che io non sono concorde (ho preso la pillola da ragazza, ma anche la più leggera mi gonfiava come una zampogna e mi provocava dolori articolari) e non ho intenzione di “vivere male” per altri 10 anni, Le chiedo cortesemente dottoressa di assecondare la mia ignoranza: non sarebbe fattibile togliere l’ovaio sinistro, dato che sembra essere il responsabile del mio disagio?
La ringrazio sinceramente per l’attenzione e Le auguro una buona giornata. Attendo risposta…..
Cordiali saluti, Daniela

Gentile signora, non credo che il suo l’ovaio sinistro residuo sia responsabile di quanto le sta accadendo e sicuramente la sua asportazione  non le risolverebbe il problema.
Piuttosto sarebbe importante capire quale sia il motivo dei suoi sintomi. I fibromi sottomucosi possono provocare mestruazioni abbondanti ed in tal caso possono essere rimossi con un piccolo intervento isteroscopico (cioè dall’interno dell’utero, senza dover “aprire la pancia”). Se invece la causa della sua sintomatologia è di tipo disfunzionale (cioè legato ad uno squilibrio ormonale), la pillola potrebbe essere un ottimo rimedio: le assicuro che le pillole disponibili oggi sono molto diverse da quelle del passato, sono a basso dosaggio e non provocano gonfiore.
Le consiglio pertanto di provare l’effetto dei nuovi preparati. Sarei inoltre molto cauta nel dire tra quanto tempo avrà la menopausa dal momento che non esiste alcun parametro che possa prevedere esattamente la cessazione della funzionalità delle ovaie


Articoli correlati

Aggiungi un commento

CAPTCHA image


DesMM Design